domenica 11 settembre 2016

Abisso del Monte Novegno

di Sandro Sedran

E Abisso è stato, quello con la "A" maiuscola, 8 ore costantemente appesi in corda per documentare il più profondo pozzo del Veneto,: il Macchu Picchu: 220 metri.



Gli amici del Gruppo Grotte Schio CAI ce lo hanno armato appositamente e, dopo un tentativo fallito a causa di un diluvio imprevisto, finalmente abbiamo potuto dedicargli le nostre attenzioni.
Ci troviamo presto: alle 8 siamo già in prossimità della zona sommitale del Monte Novegno a quota 1450. So benissimo che ci vorrà molto tempo e non mi piace uscire troppo tardi alla sera. Siamo un bel squadrone di 11 persone, ma alla fine scenderanno solo i cinque della squadra fotografica.
L'avvicinamento è idilliaco nella prima parte: malghe, pascoli e spazi aperti ci cullano fino al nostro ingresso nel bosco dove ci attende una ripidissima ed impegnativa discesa fino all'ingresso della grotta.
Dei quasi 500m di sviluppo, solo 9m sono orizzontali! 3m all'ingresso, a cui seguono i P50 e P7, e 6m di meandro prima del P220. Percorrendo il meandro, un po' alla volta il pavimento si allontana fino a quando non ti trovi quasi al centro della sommità dell'abisso.
La prima foto la faccio un frazionamento più sotto, da dove ho una visuale più ampia sul primo terzo di pozzo. Un cambio di pendenza, 70m più sotto, impedisce di vedere oltre. Il pozzo è enorme: qui il diametro parte da 8m ed aumenta man mano che si scende. Provo varie modalità di luce: diretta, contro, mista.


Mentre scattiamo arriva il resto del gruppo. tra loro c'era chi doveva uscire presto e quindi quello era il suo punto di arrivo; gli altri, con poca esperienza, avrebbero dovuto iniziare a scendere il Macchu Picchu fino alla cengia, ma, dopo averlo visto tutto illuminato, si sono fatti passare la voglia di scendere!
La squadra fotografica continua la discesa e si posiziona nei pressi della cengia che divide il fondo cieco dal fondo effettivo del pozzo. Lo scatto è possibile solo un frazionamento prima, 20-30m più alto, dato che anche qui un cambio di pendenza del pozzo impediva la visuale da più alti.
Flavio ha armato anche il pozzo cieco e vi è sceso per agevolare la mia foto.



Questa volta mi sono attrezzato bene per fissare il cavalletto al frazionamento in modo che resti immobile e teso anche sotto il peso della reflex. Cordino di sicura sulla fotocamera e, ahimè, occhiali per vedere meglio da vicino: l'età avanza anche per me ed ormai il display lo vedo tutto sfocato e non riesco più a regolare i settaggi correttamente.
Ho optato per l'ottica Tamron 28-300 per cercare di coprire maggiore distanza rispetto all'uso del mio solito grandangolo Canon 17-40, anche se credo che la qualità degli scatti ne abbia risentito.
La comunicazione tra di noi avviene tramite radio: impossibile fare altrimenti viste le distanze ed il rimbombo della voce sulle pareti.
Dalla cengia fotografo gli ultimi 80m del Macchu Picchu e poi tutti sul fondo.


Flavio, supportato da Max, si infila nella fessura ed inizia a scendere il Pozzo Tempesta, un bestione da 203m perfettamente verticale. Vogliono iniziare ad armare la calata per andare a vedere, nelle prossime uscite, un finestrone che si trova dalla parte opposta e che non è mai stato visto da nessuno.
Quando è pronto mi chiama e salgo pure io sulla sommità del pozzo. Purtroppo Flavio e Max sono fuori dalla mia visuale perchè incassati dentro una fessura laterale del pozzo. Chiedo a Max se può spostarsi lateralmente affinchè riesca a vederlo: pendola alla sua sinistra, ma ad un certo punto sento un "Boia!" e Max parte lateralmente come un missile facendo cadere materiale sul sottostante Flavio. Gli è rimasto un "paracarro" in mano, un macigno di una decina di chili che se ne libera lanciandolo verso il centro del pozzo dove cade con numerosi boati. Anche dal mio frazionamento mi rendo conto come la roccia sia più fratturata, mista a fango e con croste calcitiche sopra; quando tocchi si rompe sempre qualcosa e precipita verso il basso. Ecco perchè lo hanno chiamato Tempesta!
Comunque, anche con solo due luci, riusciamo a documentare l'aspetto di almeno la prima parte di questo pozzo. In ogni caso, 203m dritti dritti, in fotografia non sarebbe stato possibile farli rendere tutti.


Nel frattempo Massimiliano è risalito alla cengia ed io lo raggiungo dopo un po'. Gli altri tardano ed io mi appisolo a cavalcioni della cengia mentre Massimiliano sale di tre frazionamenti. Attendo che passi Massimo, oggi detto "Titty" per via della tuta gialla e perchè c'è anche l'altro Max (Max, Max e Massi: immaginate il casino nel dare gli ordini via radio?).
Dopo che è passato anche Max, mi accorgo che Massi e "Titty" sono fuori dalla mia visuale e questo è il meglio che sono riuscito ad ottenere:


Faccio passare pure Flavio e saliamo tutti fino a schierarci sull'ultimo terzo dove vedo tutti i compagni ed il canale di volta della partenza del pozzo dove è posizionato Massi.


Purtroppo l'estrema verticalità della pozzo non viene resa bene dalla fotografia: se lo guardi con la testa girata, senza sapere cos'è, potresti dire che si tratta di un tunnel orizzontale.


Nell'attesa del nostro turno fotografo pure il P50 e poi ci ricompattiamo fuori davanti l'ingresso. Otto ore di permanenza di cui almeno due occupate nel fare foto.
La risalita nel bosco è veramente massacrante e ti toglie le ultime forze rimaste, oltre al fiato, naturalmente, ma la soddisfazione è tanta e la fatica passa in secondo piano.

Lo Speleo-Team di oggi: Max, Flavio, San, Massi, Max

Conclusione con bruschetta e birra alla Casa del Popolo Marano, dove ci hanno raggiunto anche tutti gli altri, con Alice cameriera d'eccezione.
Grazie a Flavio ed a tutti gli speleologi scledensi che hanno contribuito nel rendere possibile questo lavoro.


15 commenti:

  1. Sempre molto bravi! Anzi, ultra bravi!

    RispondiElimina
  2. Complimenti ragazzi. Ci avete fatto conoscere una meraviglia della natura a 2 passi da casa. Senza di voi tutto ciò non sarebbe stato possibile. Bravi!

    RispondiElimina
  3. Bravi ragazzi mi avete fatto venire i brividi e nostalgia di esplorazioni

    RispondiElimina
  4. Voi siete tutti matti....ma in senso buono! Ho ancora i brividi dopo aver visto le foto. Complimenti,siete grandi...e grazie per farci conoscere le meraviglie di questo mondo a noi vicino

    RispondiElimina
  5. Complimenti a tutto il team per l'impresa, ancor di più al fotografo. Ci vuole tanta pazienza ed esperienza per fotografare in grotta, e nelle foto si vede la mano esperta. La verticalità della grotta è ben risaltata, ed è veramente impressionante. Bravi, bravi.

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutti per l'apprezzamento. Ciaooo

    RispondiElimina
  7. Tanta roba e massimo rispetto... Foto incredibili, un minuto di applausi!!!

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia! Che sorpresa per me venir a conoscenza di questo abisso. Complimenti e grazie.

    RispondiElimina
  9. Conosco e frequento il Novegno da tanti anni, non pensavo che tenesse in "grembo" anche questa meraviglia! Complimenti al fotografo e tutta la squadra!

    RispondiElimina
  10. Grazie per le foto splendide! Ma dove si trova di preciso l'ingresso di questa bellezza sul Novegno?

    RispondiElimina
  11. Complimenti a tutti, non mi passa mai la voglia di riguardarle !

    RispondiElimina
  12. Siete stati veramente bravi, l'avete mostrato e commentato.....che sembra di essere lí con voi !!

    RispondiElimina